Posts Taged chiusdino

DIFENDI LA SALUTE – COMBATTI L’ELETTROSMOG

cuoreQuesta mattina una delegazione del Presidio Permanente No Antenna via Chiusdino, che si oppone all’istallazione di un mostruoso ripetitore per telefonia mobile della compagnia H3G alto 28 m nella zona di Monte delle Piche – Colle del Sole in XV° municipio nelle vicinanze di abitazioni una scuola ed un parco giochi, ha contestato il sindaco Veltroni presente a Magliana per una inaugurazione. Sono stati alzati cartelli contro  l’elettrosmog che chiedevano la moratoria di tutte le installazioni, la messa in discussione presso il consiglio comunale della delibera di iniziativa popolare presentata dai Comitati Romani contro l’Elettrosmog e firmata da oltre 22 mila cittadini e ferma ormai in comune dal giugno 2005 ed infine la revoca della concessione per l’antenna di via Chiusdino.  Il sindaco, in compagnia di alcuni assessori e del Presidente del Municipio, alterati dall’inaspettata protesta, si è dovuto fermare a rispondere alle domande dei cittadini presenti:

Innanzitutto ha assicurato che il ripetitore in via Chiusdino non verrà montato, speriamo che alle parole ora seguano i fatti e che gli organi preposti inviano in breve tempo la revoca ufficiale.

Successivamente ha ammesso di non sapere nulla della delibera, rivolgendosi per maggiori informazioni all’assessore all’ambiente Esposito, peccato che la delega sull’elettrosmog ce l’abbia l’assessore ai lavori pubblici D’Alessandro cosa veramente strana e che denunciamo da anni, ha infine proseguito dichiarando che si attiverà a riguardo. Ci domandiamo come sia possibile che un sindaco sia all’oscuro di una delibera popolare depositata da due anni e che secondo il regolamento si sarebbe dovuta discutere entro sei mesi, come più volte i comitati romani hanno ribadito e richiesto, anche in occasioni di incontri con consiglieri comunali ed assessori. Questa disinformazione ci sembra un po’ strana, non vorremo invece che il Comune abbia tutto l’interessa a fare in modo che ciò non accada, visto anche lo scandaloso accordo D’Alessandro compagnie telefoniche in cui si concedono aree comunali per le installazioni. Se il sindaco non ne è effettivamente a conoscenza, ci scandalizziamo ancor di più, è questo il modo di amministrare una città? Si parla tanto di democrazia partecipata e poi quando i cittadini vogliono partecipare concretamente utilizzando gli strumenti che le istituzioni concedono, come il caso della delibera, non se tiene considerazione e si fa di tutto per impedirlo.

Prima di lasciarci ha aggiunto che “bisogna farla finita di fare terrorismo e dire che ogni volta che si monta un’antenna viene il cancro, questa è una cretinata”. Vorremmo ricordare, al nostro caro sindaco che esistono centinaia di studi, italiani ed internazionali, che dimostrano come l’esposizione ai campi elettromagnetici provochi una maggiore insorgenza di forme tumorali nonché tutta una serie di disturbi minori che vanno dall’impotenza all’insonnia, all’emicrania ai danni cerebrali.

Ricordiamo a tutti che il presidio in via Chiusdino che vigila notte e giorno affinché questo nuovo sopruso non venga commesso è ormai in piedi da tre mesi e che proseguirà fino alla vittoria.

Non ci stancheremo mai, i vostri soldi non valgono la nostra salute.

No alle antenne. Via i tralicci

Comitato contro l’elettrosmog del Trullo Roma

Continue Reading